10° Giorno Tappa Ramberg-Sortland

Al mattino possiamo decidere se rilassarci andando in canoa nelle acque (freddine)di Ramberg o ripartire subito verso nord, lungo la strada che torna a Svolvær (con la possibilità di una variante all'altezza di Leknes). Se il giorno precedente abbiamo per stanchezza deciso di omettere qualche tappa, possiamo effettuarla adesso, dato che anche questa giornata prevede pochi chilometri di spostamento. Oltrepassata Svolvær raggiungiamo Fiskebøl, da dove ci imbarchiamo per Melbu (25 minuti). Raggiungiamo così le Vesterålen.

Riferisco fedelmente quanto riportato in un sito di moto-turisti: "...La strada 19, la più emozionante della Norvegia, è piuttosto difficoltosa ed in gran parte non asfaltata. il paesaggio, da Svolvær a Stokmarknes, è impressionante: piramidi rocciose tra le quali densissime nubi costruiscono visioni fantasmagoriche, continuamente cangianti, da bolgia dantesca; in basso il mare scuro è frustato da un vento feroce, che provoca la pericolosissima corrente del Malstrom, nemica dei naviganti. Oltre Sandnes il paesaggio diventa più umano con graziosissimi villaggi".   

Sulle Vesterålen, in effetti, il paesaggio è meno drammatico, e compaiono i segni di una fervida attività agricola. L’isola di Hinnøya (che però non vedremo oggi) è ricca di foreste. Il nostro percorso si ferma a Sortland, ed è l’unica volta che ci fermeremo due notti consecutive nello stesso luogo.

Tappa Precedente        Clicca per accedere al Diario Live di questa tappa        Tappa Successiva