21° Giorno Tappa Alvdal-Oslo

Una tappa non particolarmente lunga, ma dai tempi di percorrenza piuttosto vincolanti, dato che dobbiamo giungere ad Oslo in tempo utile per la riconsegna dell’auto.

Da Alvdal ci incamminiamo ancora lungo la strada 3, fino all’altezza di Atnosen. Giriamo poi a destra ed incontriamo (attenzione!) un bivio da cui, sulla sinistra, ha inzio una strada minore (dove tra l’altro credo che si paghi un pedaggio). Sulla destra c’è il monte Storvola (1435 metri), noi scendiamo fino al cenro di Ringebu.

Di qui scivoliamo comodamente verso Lillehammer. Questa cittadina, al termine delle olimpiadi invernali del 1994, ha ripreso un ritmo di vita più tranquillo. D’inverno è un apprezzato centro sciistico, d’estate è tappa d’obbligo per chi è diretto al nord (non per noi), nonché gradevole base per escursioni sui monti circostanti. Non vi sono edifici storici (a parte il solito museo di case rurali). Una certa curiosità è invece destata proprio dagli impianti olimpici, in buona parte ancora in uso.

Da Lillehammer inizia una strada di una qualità da noi ormai dimenticata, che attraversa la moderna Hamar (ove è notevole il palazzetto del ghiaccio utilizzato per le olimpiadi, a forma di nave vichinga capovolta), sfila nei paraggi dell’aeroporto e giunge infine ad Oslo.

Giunti in città sarà bene non perdere tempo, portare il bagaglio al pensionato dove abbiamo già soggiornato e riconsegnare l’auto entro l’orario di chiusura.

La serata è libera, si può scegliere fra numerosi punti di ristoro, fra ristoranti e pub.

  Tappa Precedente        Clicca per accedere al Diario Live di questa tappa        Tappa Successiva